Si sono svolte al Ministero della salute le audizioni dei sindacati sul tema della carenza dei medici specialisti. L’Anaao Assomed ha ribadito le soluzioni da tempo prospettate sia per il breve che per il lungo periodo. 

Aumento di posti nelle scuole di specialità di almeno 2000 unità, possibilità di assunzione dei medici in formazione nell’ultimo anno di scuola con contratto a tempo determinato da trasformare in tempo indeterminato al momento dell’acquisizione del titolo, con funzioni adeguate al livello di competenze e autonomie raggiunte e tutoraggio garantito dal direttore della struttura di destinazione per il completamento del percorso formativo. E ancora attivazione del teaching hospital, nuova programmazione del fabbisogno di medici correlata non solo agli aspetti quantitativi ma anche qualitativi, suddivisa per specialità e per Regioni.

Sono queste le principali richieste dell’Anaao Assomed ribadite da Pierino di Silverio (Responsabile Nazionale Anaao Assomed Settore Anaao Giovani) nel corso dell’incontro che si è svolto lo scorso 30 agosto al Ministero della salute e convocato per cercare soluzioni al grave problema della carenza dei medici che l’Italia sta affrontando negli ultimi anni.

I rappresentati del Ministero presenti all’incontro hanno manifestato interesse per le proposte che l’Anaao Assomed avanza oramai dal 2011 e sottopone alla pubblica opinione e ai ministeri competenti al fine di migliorare l’offerta formativa per i medici italiani.

L’Anaao Assomed esprime soddisfazione per la sensibilità dimostrata dal Ministero e per l’apertura verso la risoluzione delle problematiche correlate alla formazione specialistica e vigilerà sui provvedimenti che il Governo intenderà adottare.

Fonte: comunicato stampa Anaao Assomed